Arte e Collezionismo

100 ° Anniversario del Bauhaus

Nato nella prima parte del ventesimo secolo in Germania, il Bauhaus nasce dall'idea di riunire una scuola di architettura e un'accademia d'arte sotto lo stesso tetto. Respingendo con fervore il tradizionale pensiero di soffocare la produzione artistica e codificando allo stesso tempo lo stato d'animo generale e i metodi pedagogici, il Bauhaus e diventata sia una scuola che uno dei più emblematici movimenti del modernismo.

Bérénice Robaglia

7 min

Bauhaus

Introduzione

Un secolo dopo la sua creazione nel 1919 da Walter Gropius, la visione Bauhaus trascende ancora le creazioni artistiche e gli interni concepiti dai più grandi designer. Ansiosi di integrare i suoi principi estetici e funzionali in tutte le sfere artistiche, le radici espressioniste e le idee socialiste trasmesse dai pionieri del Bauhaus hanno avuto una grande influenza sul lavoro dei grandi maestri dell'arte e dell'architettura moderna.

Per celebrare l'anniversario del Bauhaus, esamineremo i periodi principali della scuola, incontreremo i membri più emblematici del movimento e capiremo l'impatto delle sue diverse posizioni sulla scuola e sui suoi membri.

Origini (prima del 1919)

Il Bauhaus è radicato nel pensiero di William Morris (1834-1896), un designer britannico che afferma che l'arte dovrebbe soddisfare i bisogni della società, senza distinguere la forma della funzione. Dalla fine del 19 ° secolo, la migrazione di idee e artisti ha influenzato il movimento “Art & Craft” prebellico in Germania, incoraggiando la multidisciplinarietà e l’educazione all'interno delle belle arti progressiste. Henry Van de Welde, artista e architetto che ebbe un ruolo importante nel far emergere l'Art Nouveau in Belgio, fondò e diresse la Weimar Saxon Grand Ducal Art School dal 1901 al 1915. Le idee progressiste di Van de Welde diedero inizio al passaggio di transizione dall'artigianato alla tecnologia industriale dal 1910 in poi. 

Walter Gropius voleva portare tutte le pratiche artistiche sotto lo stesso tetto, poiché era fortemente influenzato dalle idee moderniste che celebrano l'intelligenza, la creatività e la capacità dell'umanità di sperimentare e pensare in modo radicale. Ha anche aderito alle linee guida dell'organizzazione nazionale di designer tedeschi, che ha sfruttato, sin dalla sua creazione nel 1907, la razionalità e la funzionalità associate ai processi di produzione in serie di mobili di design. Nel 1919 unì la Grand Ducal Art School con l'Accademia di Belle Arti sotto il nome “Bauhaus” (letteralmente "casa delle costruzioni") e proclamò il suo obiettivo di "creare una nuova corporazione di artigiani, senza le distinzioni di classe che sollevano un'arrogante barriera tra gli artigiani e artista ".

Bauhaus Weimar (1919–1925)

Con l'obiettivo di intrecciare arte, artigianato e architettura, includendo al contempo tutte le arti nel curriculum, Walter Gropius invitò dal 1919 in poi una serie di artisti visivi, scultori, drammaturghi, designer, architetti e artigiani a insegnare al Bauhaus. I pittori Johannes Itten e Lyonel Feininger e lo scultore Gerhard Marcks presenti dal primo giorno sono stati accompagnati negli anni seguenti dai famosi pittori Paul Klee e Wassily Kandinsky, e dall’artista Oskar Schlemmer. Dal momento che stava iniziando a diventare piuttosto importante a livello internazionale, Theo van Doesburg venne a Weimar nel 1922 per promuovere il suo movimento De Stijl ("Lo stile"), seguito dalla visita di El Lissitzky, un artista e architetto costruttivista russo. Dal 1919 al 1922 la scuola fu modellata dalle idee pedagogiche ed estetiche di Johannes Itten, un pittore espressionista che favoriva una pratica più teorica delle arti e ridondava l'influenza dell'espressionismo, specialmente dall'arrivo di Kandisky nella facoltà. Questo iniziò a cambiare nel 1922 quando l'architetto ungherese László Moholy-Nagy sostituì Itten e riscrisse il corso introduttivo obbligatorio.

Moholy Nagy ha sottolineato il lato pratico dell'insegnamento, l'uso di materiale industriale e l'ulteriore riavvicinamento tra arte e artigianato. Questo spostamento riflette l'importanza per la Germania di compensare la mancanza di materie prime - disponibili principalmente negli Stati Uniti e nel Regno Unito - con manodopera qualificata in grado di concepire beni innovativi e di alta qualità. Artisti e designer sono diventati attori chiave nella portata internazionale della Germania, e da questo momento in poi, il Bauhaus trasforma il suo insegnamento in modo da far lavorare gli artisti per l'eccellenza industriale. Con la loro capacità di innovare secondo i vincoli economici, la Grande Depressione degli anni '20 non limitò la produzione di artisti, visto che questi riciclavano materiali a basso costo come vinile, cromo o compensato in creazioni di design.

Avvertendo l'ascesa delle tensioni politiche in Germania e la radicalizzazione delle idee di alcuni membri della scuola, Gropius si prepara al trasferimento della facoltà prima del 1925, quando la scuola di Weimar deve chiudere a causa di fondi insufficienti. Già riconosciuto all'unanimità dai suoi colleghi architetti per il suo lavoro ad Alfeld - la fabbrica Fagus-Werk - Gropius è supportato dalla città di Dessau nella costruzione di un futuristico edificio di vetro che ospiterà dal 1926 la scuola e i suoi insegnanti.

Bauhaus Dessau (1925-1931)

Gropius ha sempre lottato per creare un equilibrio tra le singole visioni artistiche e la produzione industriale di massa. Anche se la scuola eredita le credenze espressioniste incarnate da Klee e Kandisky, Gropius continua a incoraggiare il rinnovamento delle professioni artistiche focalizzate su soluzioni adattate alla vita quotidiana delle persone. Il trasferimento del Bauhaus a Dessau favorisce questo rinnovamento; la maggior parte dei prodotti e degli edifici che ancora oggi definiscono l'immagine del Bauhaus sono stati creati in questo periodo. Nel 1927, Gropius cerca di incoraggiare la creazione architettonica e fonda un dipartimento dedicato a questa pratica. Nel 1928, raccomanda il capo del dipartimento Hannes Meyer, architetto svizzero e urbanista, come nuovo direttore della facoltà.

La strategia di Meyer e le proposte redditizie attirano e rassicurano gli investitori. Sotto la sua guida, il Bauhaus ottiene due delle sue maggiori commissioni e controlla la progettazione e costruzione di un edificio di cinque appartamenti a Dessau per la scuola sindacale ADGB di Bernau; e quindi nel 1929 che il Bauhaus fa un profitto per la prima volta.

Tuttavia, la sua rigorosa visione funzionalista che bandiva qualsiasi sforzo estetico, aggiunto al suo pensiero comunista radicale, aggrava le tensioni interne. Nel 1930 fu licenziato dal consiglio comunale per presunte "pratiche comuniste". Appena un anno dopo l'entrata in carica del nuovo direttore, Mies van der Rohe, il consiglio comunale di Dessau era già dominato dal NSDAP. Nel tentativo di salvare la scuola e il materiale, nel 1932 Mies Van der Rohe organizza il trasferimento del Bauhaus in una vecchia fabbrica di telefoni a Berlino.

Bauhaus Berlin (1932–1933)

Se gli studenti soffrivano già della mancanza di riferimenti sociopolitici sotto la direzione di Mies Van Der Rohe, la produzione creativa divenne quasi impossibile dopo la rilocalizzazione a Berlino. A causa della situazione politica repressiva e dei drastici tagli ai finanziamenti, molti professori e studenti decidono di lasciare la Germania. Mies Van der Rohe preferì dissolvere la scuola nel luglio del 1933 per evitare che il regime prendesse il controllo della scuola. 

Il dopo (dal 1933)

Ironia della sorte, la rottura dell'istituzione continua le sue idee: l'emigrazione di molti insegnanti consente all'agenda del Bauhaus di diffondersi in tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti. Se ora l'istituzione appartiene al passato, le sue idee rimangono, soprattutto negli Stati Uniti, dove la corrente trasforma i metodi pedagogici e artistici americani. Inoltre, l'ambizione dominante degli Stati Uniti, in particolare nei settori artistico, architettonico e tecnologico - settori chiave per la leadership americana - costituisce un terreno fertile per lo sviluppo dello stile Bauhaus negli Stati Uniti. Dalle prime mostre Bauhaus nel 1930 ad Harvard e nel MoMA nel 1932, gli emigranti Bauhaus furono rapidamente visti come modelli per il Nuovo Mondo. Nel 1937 Walter Gropius entra a far parte della Harvard Graduate School of Design, coinvolgendo designer moderni come Marcel Breuer nella riorganizzazione del suo curriculum. 

Lo stesso anno, l'IIT Institute of Design (ID) fu fondato a Chicago come un "New Bauhaus", e istituì un programma artistico diretto da László Moholy-Nagy. Nel 1938, Mies van der Rohe fu nominato membro di Moholy Nagy e direttore della School of Architecture presso l'Armour Institute di Chicago. Il New Bauhaus ha ancora una notevole influenza sul design e sulla tecnologia, ad esempio il movimento di pensiero concettuale adottato a livello globale è emerso negli anni 2000.

Chiamato anche "stile internazionale", lo stile Bauhaus ha segnato un cambiamento di paradigma. Nel contesto della rivoluzione industriale, il Bauhaus aveva un'agenda all'avanguardia che cercava il legame più stretto tra arte, persone e tecnologia. A metà strada tra il modernismo occidentale, il ripensamento delle prospettive e le teorie dei colori e il costruttivismo orientale che respinge l'arte autonoma, il Bauhaus era un centro di reinvenzione artistica e un ponte tra il socialismo orientale e il liberalismo occidentale. Noi di Convelio possiamo confermare che lo stile Bauhaus non è mai stato così popolare - spediamo ogni giorno riproduzioni dei prodotti Bauhaus, come per esempio la ciotola di frutta di Josef Albers, la lampada da tavolo Jucker-Wagenfeld, le sedie e i tavoli di Marcel Breuer e Mies van der Rohe, il bollitore da tè e il portacenere di Marianne Brandt, e molti altri! 

11 ottobre 2019

Bérénice Robaglia