Arte e Collezionismo

Artissima 2019 - All’Interno della Fiera

C'è solo una fiera in Italia dedicata esclusivamente all'arte contemporanea - l'unica e l’inimitable Artissima!

Ottavia Ampuero Villagran

5 min

Artissima

Introduzione

Visto che Convelio era presente durante i trionfali tre giorni della sua 46a edizione, che si tiene come al solito nella capitale piemontese di Torino, volevamo dare ai nostri lettori una piccola occhiata "Inside the Fair" ...

Una fiera d'arte da ricordare

Con un tema che esplora la dualità di "Censura e desiderio" - un argomento estremamente rilevante negli ultimi tempi, data l'intelligenza limitata degli algoritmi dei social media nel discernere immagini artistiche e la recente censura di Schiele e Rubens a Londra e in Belgio - l'edizione di quest'anno di Artissima è proseguita in linea con il suo approccio innovativo.

I 200.000 m2 di spazio espositivo dell'Oval Lingotto Fiere sono stati immaginati dalla direttrice Ilaria Bonacossa come un riflesso della stessa città di Torino, con le sue strade perpendicolari che si aprono in spazi più ampi. Quest'anno ha accolto 208 gallerie di 43 paesi (il 62% degli espositori erano internazionali) e ha esposto 2.500 opere d'arte individuali.

Delle sette sezioni in fiera, le più trafficate erano probabilmente le tre che erano state appositamente curate da un team internazionale di direttori di musei e curatori:

- "Back to the Future" mirava a riscoprire le opere degli anni '60 e '90 create da pionieri dell'arte contemporanea e che purtroppo non hanno brillato come avrebbero dovuto o potuto (il nostro preferito era la serie di Invisible Paintings di Bruno Jakob nello stand di Peter Kilchmann). 

-"Present Future" era lo spazio riservato a giovani artisti emergenti in lizza per il Premio Illy (non poteva mancare un saluto a un classico marchio di caffè in un contesto fieristico squisitamente italiano). 

- “Disegni”, a cura dei direttori portoghesi di Kunsthalle Lissabon, presentava la pratica artistica e spesso screditata del disegno (Francesco Barocco ci ha davvero lasciato senza parole con il suo delicato inno ai maestri italiani).

Una fiera d'arte internazionale unica nel suo genere

Da segnalare anche Hub Middle East, una prospettiva focalizzata sugli eventi, gli artisti e le gallerie della regione. I nostri preferiti sono stati DVIR Gallery, le fotografie di Shadi Ghadirian al Podbielski Contemporary, le armi automatiche fossilizzate di Yael Bartana alla Sommer Contemporary Art, e la spettacolare installazione di Muhannad Shono alla Galleria Athr. Sebbene sia ampiamente noto che il Medio Oriente può essere un mercato futuro interessante con un grande potenziale, il commento degli artisti ci ricorda che dipende anche da fattori politici ed economici altamente instabili.

Ciò che differenzia Artissima dal campo affollato delle fiere d'arte internazionali è proprio questa attenzione ai dettagli culturali, accademici e curatoriali - ad esempio, è l'unica fiera ad organizzare visite guidate tematiche per i suoi visitatori. Naturalmente, i collezionisti seri sono attratti da questo ethos. Il collezionista belga Alain Servais ha twittato che Artissima è un sano contrasto con altre fiere che possono sembrare "centri commerciali" pieni di prodotti di marca. 

Naturalmente, la sezione principale comprende sempre gallerie istituite sul palcoscenico internazionale come Galleria Continua (dove un ospite è svenuto su una scultura nel bel mezzo dello stand!). Tuttavia, poiché le quote di partecipazione sono inferiori rispetto ad altre fiere, i galleristi sono liberi di correre rischi commerciali maggiori, e quindi presentano i loro artisti più accessibili e spesso più giovani. Quindi i visitatori si concentrano di più sull'apprendimento del loro approccio artistico anziché sulla loro spinta economica. 

Risultati del mercato dell'arte

Questo talent scouting consente ai collezionisti che frequentano Artissima di acquistare opere a prezzi convenienti rispetto al valore reale degli artisti. Anche l'IVA del 22% in Italia non sembra così penalizzante quando riescono ad avere un anticipo di cinque anni sulla carriera di artisti emergenti; ad esempio, i vincitori del Premio Illy vengono presentati in musei e fondazioni da tre a cinque anni dopo il loro debutto ad Artissima.

A proposito di vendite, dobbiamo ricordare una delle nostre installazioni preferite, Blue Pen (2018) di Augustas Serapinas, venduta al designer italiano Luca Bombassel per € 35.000. Questo giovane artista è noto per la creazione di arte basata su narrazioni e interviste. In questo caso la sua installazione - composta da molte pagnotte di pane blu posate su una struttura metallica - è nata da un evento che accadde quarant’anni fa. Clow, una società di ingegneria, era stata assunta da una panetteria del quartiere. Le piattaforme di ispezione furono posizionate sopra le grandi ciotole di miscelazione industriali della panetteria e, al termine del progetto, uno degli ingegneri si sporse sul corrimano e la sua penna blu cadde nella ciotola, macchiando l'equivalente di diecimila pagnotte di pane in quello che era ironicamente il colore dell'azienda - un blu RAL 5017.

L’installazione di realtà virtuale presentata da Jordan Wolfson nello stand Sadie Coles non era cosi light, ma è comunque stata acquistata dal Museo d'Arte Contemporanea del Castello di Rivoli per un importo non divulgato. Non appena gli utenti indossavano gli occhiali e le cuffie, si presentava una scena di violenza insensata, un uomo che picchiava una vittima indifesa per strada, seguita da una preghiera ebraica. Guardare alcuni degli utenti strapparsi gli occhialini al primo colpo della mazza da baseball, a pochi secondi dall'esperienza VR di due minuti, sembrava una meta-installazione in sé e per sé.

Sarebbe impossibile dettagliare le innumerevoli opere d'arte che ci hanno colpito mentre camminavamo nei corridoi affollati di Artissima. Tuttavia, solo per citarne alcuni per quelli che non sono stati in grado di partecipare, vorremmo menzionare le seguenti: Complicity # 14 di Tulio Pinto (Piero Atchugarry Gallery), le sculture di sale disintegranti La Moglie di Lot di Superstudio (Galleria Pinksummer), La Pancia del Serpente di Gianni Politi (Lorcan O'Neill), Smartphone - giovane con borsa di Michelangelo Pistoletto (Galleria Giorgio Persano), e Game di Jesse Mockrin (Night Gallery). Il premio non ufficiale per l'opera d'arte più instagrammabile della fiera va sicuramente a Villa Straylight di Anna Franceschini (Vistamare / Vistamarestudio), composta da nove parrucche che ruotano su un nastro metallico e una parrucca che si contorce meccanicamente in agonia nel pavimento sotto di loro. 

Ovviamente dobbiamo anche congratularci con i galleristi stessi, per la loro composizione di splendidi stand che mettono in risalto i loro artisti e attirano la nostra curiosità (ti stiamo guardando, Espacio Minimo!).

Con oltre 55.000 visitatori, 5.500 collezionisti e 400 direttori e curatori di musei presenti, è giusto dire che non siamo stati i soli ad apprezzare questa edizione di Artissima. Non vediamo l'ora di vedere cosa ha in serbo la direttrice Bonacossa per l'edizione del prossimo anno (6-8 novembre 2020), ma speriamo che l'energia creativa e le pratiche sperimentali rimangano a questa altezza stellare.