Arte e Collezionismo

[Convelio x Dominique Fiat] Episodio 3 - Profilo di Dominique Fiat

Bérénice Robaglia

Anita Dube Elegance (For Mireille), 2011 (Detail)

Potrebbe parlarmi di lei, del suo background e di come è arrivata a creare una galleria che è tra i nomi più importanti del mercato dell'arte?

Atipica, è così che descriverei la mia carriera... è divertente perché è il termine che i miei artisti usano per descrivere la galleria. Ero una studentessa di storia e di storia dell'arte ed è stato mentre lavoravo come modella per le case di alta moda che ho sviluppato la mia conoscenza dell'arte contemporanea. Il mio lavoro mi ha portato a visitare musei nelle principali capitali del mondo. Dalla scoperta delle porcellane cinesi a Taiwan alle stampe giapponesi a Tokyo o alle produzioni monumentali della Land Art negli Stati Uniti... Ispirata, mi sono subito lanciata non appena ho concluso la mia carriera di modella e, collaborando con un giovane già vicino al mondo dell'arte, ho aperto uno spazio dedicato all'arte contemporanea.

Dominique Fiat

Potrebbe indicarmi le linee di pensiero che sta seguendo nel suo lavoro?

Affascinata dalla creazione artistica degli anni '60 e '70 - arti visive, cinema, musica...- e più in generale dallo stato d'animo di quell’epoca - mutazione della società, liberazione della morale, antiautoritarismo...- ho lavorato molto con artisti vicini o provenienti dal movimento Fluxus come Erik Dietman. Ad esempio ho lavorato con Tania Mouraud la cui produzione si basa sulle scienze umane, in particolare il suo lavoro sulle parole e la loro tipografia, oppure Noël Dolla che fa cadere ogni certezza del progetto pittorico nella storia dell'arte.

Doug wheeler

Avendo vissuto a Los Angeles, conoscevo molto bene il movimento Light & Space, un movimento in cui l’ambiente californiano (fatto di luce naturale, di spazi infiniti ma anche di rifiuti industriali tossici) è al centro delle creazioni di vari artisti come Laddie John Dill, Peter Alexander, Fred Eversley o Helen Pashgian. Sia catturando la luce naturale che integrando le luci al neon in architetture talvolta monumentali, questi artisti giocano con la trasparenza dei materiali o con il loro potere riflettente per trasformare lo spazio.

Camille henrot 3

Negli ultimi 15 anni circa, ho lavorato molto anche con i video. L'immagine, fissa o in movimento, è la chiave dell'arte contemporanea. Ho scoperto e sostenuto molti giovani artisti, all'epoca poco conosciuti, che stanno sperimentando questo mezzo. Ho esposto per esempio Camille Henrot, appena uscita dall'art déco, le cui figure metaforiche erano animate da associazioni di immagini, disegni, brani di film e musica. Il video ha interessato molto rapidamente il pubblico di intellettuali, amanti delle immagini e delle fotografie. Ho anche esposto il lavoro di artiste come Hannah Collins e Natasha Nisic esplorando le relazioni tra il visibile, l'invisibile, le parole, le interpretazioni, la memoria, i rituali lavorando con Super 8, 16MM, il disegno e la fotografia.

Ho visto che ha esposto molta arte africana, potrebbe dirmi qualcosa di più?

In realtà... è stata la Cina a portarmi in Africa! Durante un viaggio di esplorazione in Cina, nel bel mezzo del boom dei collezionisti entusiasti per l'arte contemporanea cinese (e soprattutto degli investitori), mi sono resa conto dell'influenza del fascino commerciale sulla creazione artistica. Mi è sembrato che tutta la produzione fosse fatta su misura per gli affari con gli occidentali. Disgustata dall'ultra-capitalismo e dalla mancanza di autenticità degli artisti, torno a Parigi senza niente. Racconto la mia esperienza a un amico collezionista che mi invita subito ad accompagnarlo in Africa. Si tratta infatti di un continente dove l'approccio artistico è veramente autentico e ricco di una storia vissuta e spesso dolorosa. In generale, tendo a scappare da ciò che va di moda. Mi piacciono gli artisti impegnati, la mia programmazione è sempre stata orientata al coinvolgimento.

Lei ovviamente ama il cinema e la letteratura, un suggerimento?

Ho appena finito un libro di un mio amico su una donna impegnata nell'arte - ancora una volta - con un destino eccezionale: “L'amica americana” di Serge Toubiana. Il libro racconta la storia di Helen Scott, una donna divertente e brillante che ha mantenuto una fortissima amicizia con François Truffaut per 25 anni. Grazie alla sua posizione presso l'Ufficio del Cinema Francese a New York, ha portato tutta la generazione della New Wave sugli schermi americani - Godard, Resnais e altri. Ha anche facilitato il famoso incontro tra Truffaut e Hitchcock e ha fatto da interprete per questi due immensi registi durante le loro interviste a Hollywood.Lettura da completare con i film di Resnais!

27 maggio 2020

Bérénice Robaglia