Trasporto di opere d'arte

Fiscalità delle opere d'arte

Bérénice Robaglia

Daniel Cohen

In Francia

Che siate appassionati d'arte o collezionisti non professionisti, l'acquisto e la vendita di opere d'arte sono operazioni soggette a tassazione: IVA, dazi doganali, imposta sulle plusvalenze... Ecco un richiamo alla fiscalità francese in materia.L'imposta sul valore aggiunto (IVA) non è altro che una versione di un'imposta sui consumi, un'imposta che viene addebitata ai consumatori quando acquistano un bene o un servizio. L'idea alla base dell'IVA è quella di tassare il valore aggiunto in ogni tappa della produzione, dalla fase delle materie prime fino alla vendita finale (passando per la produzione e la vendita all'ingrosso). I proprietari di aziende addebitano e riscuotono l'IVA dai loro clienti e poi la versano al Governo al momento della presentazione della loro dichiarazione dei redditi. Quindi, se siete proprietari di una galleria o di una casa d'aste, potete considerarvi un intermediario dell’IVA. Non dovete far altro che trasmetterla dal consumatore alle autorità fiscali. Il modello IVA esiste in tutta l'UE, così come in molti altri paesi del mondo (circa altri 120!). Sebbene l'UE condivida norme uniformi in materia di IVA, ogni Stato membro ha le proprie aliquote. Ad esempio, l'aliquota IVA della Germania è del 19%, mentre quella della Francia è del 20%. In generale, le aliquote IVA dell'UE variano tra il 17% e il 27%. Ma l'aliquota dipende anche dal tipo di merce che si vende, ad esempio "aliquote ridotte" per le opere d'arte e d'antiquariato, laddove ciò sia dimostrabile.

IVA sulle esportazioni di opere d'arte

Nel caso di un individuo

La vendita all'estero di metalli preziosi, gioielli, opere d'arte, oggetti da collezione o d'antiquariato è soggetta a un'imposta forfettaria proporzionale al prezzo di vendita (o al valore in dogana), dovuta all'aliquota complessiva del 6,5% per i venditori con residenza fiscale in Francia. La vendita di tali oggetti al di sotto dei 5000 € è esente da imposta. Sono esentate anche le persone che non hanno il loro domicilio fiscale in Francia, ma devono essere in grado di giustificare una precedente importazione, una precedente introduzione o acquisizione in Francia.Allo stesso modo sono esenti: le cessioni ai musei, alle biblioteche pubbliche e agli archivi pubblici; le esportazioni temporanee; la vendita o esportazione da parte di artisti di opere proprie quando le hanno possedute ininterrottamente dalla loro creazione; Vendita di oggetti del valore di oltre 5.000 euro che sono stati posseduti dal venditore per più di 23 anni.

Nel caso di un'azienda

le aziende francesi (e più in generale europee) che esportano in Europa o al di fuori dell'UE sono esenti da IVA e dazi doganali (non dovete dichiarare l'IVA come esportatore, è il vostro cliente, l'importatore, che dovrà pagare le tasse e i dazi doganali). Lo stesso vale per le spedizioni in Paesi europei: nessuna IVA o dazi doganali. Tuttavia, quando si esportano delle merci, è necessario fornire dei documenti che provino che esse sono state trasportate al di fuori dell'UE. A tal fine è necessario presentare la prova di uscita (ECS d’uscita) alle autorità fiscali. Questo vi permetterà di recuperare l'IVA pagata su una precedente transazione correlata che ha portato all'esportazione (ciò può dipendere dalla natura della vostra attività, e dal vostro fatturato, troverete qui maggiori dettagli).

IVA sulle importazioni di opere d'arte per i Paesi dell'UE

L'imposta deve essere pagata dalla persona designata come effettivo destinatario della merce sulla dichiarazione d'importazione. Che si tratti di un'impresa o di un privato, l'ente dovrà in ogni caso pagare l'IVA se importa un bene da un paese terzo. Questo equivale a:5,5% del valore commerciale dell'opera + spese di trasporto fino al punto di ingresso nell'UE (valore CPT o CIP) + dazi e altre eventuali tasse (se opere d’arte, oggetti d’arte o d’antiquariato) or 20% se si tratta di un altro prodotto (ad esempio di design). Non ci sono dazi doganali all'interno dell'UE. Se l'importatore è un'impresa, l'IVA pagata all'importazione può essere recuperata. La galleria può anche optare per un regime di margine IVA: con questa opzione le gallerie possono richiedere che l'IVA venga riscossa solo sul margine di profitto che realizzano. In questo caso, tuttavia, perdono il diritto di detrarre l'IVA pagata sul prezzo di acquisto dell'opera. Se non è possibile determinare il prezzo di acquisto dell'opera venduta, le gallerie possono, a determinate condizioni, calcolare il margine su base forfettaria detraendo il 30% del prezzo di vendita dell'opera, al lordo delle imposte. Poiché il singolo acquirente non è soggetto all'IVA, non potrà detrarla: si tratta quindi di un costo aggiuntivo che si aggiunge al prezzo dell'opera.

Nell'ambito della tassa di trasporto

Nel caso di un individuo

Un privato non paga l'IVA sul trasporto delle sue opere d'arte per l'esportazione, mentre per l'importazione, un privato può dover pagare il 20% dell'IVA da un Paese europeo ad un altro Paese europeo (esempio: un collezionista che acquista un'opera in Germania e la importa in Francia). Nel caso di un'importazione da un Paese extracomunitario verso la sua residenza in Francia (ad es. da New York a Parigi) pagherà l'IVA solo sulla parte francese del trasporto (come l'IVA sul trasferimento dell’opera dall'aeroporto di Roissy al suo indirizzo di Parigi). Per i Paesi extraeuropei non c'è IVA da pagare sull'importazione (ad esempio se un cittadino francese importa un'opera dagli Stati Uniti non dovrà pagare nulla).

Nel caso di una società

Se l'azienda è europea e importa un'opera da un Paese europeo o meno, dovrà pagare il 20%. Dal 1° gennaio 2015, le imprese che beneficiano della procedura di domiciliazione unica (PDU) possono scegliere di dichiarare l'IVA dovuta alle importazioni nella loro dichiarazione del fatturato. Per i vostri acquisti intracomunitari, dovete indicare l'IVA applicabile sulla vostra dichiarazione dell’IVA abituale, insieme al resto delle vostre operazioni imponibili.

5 maggio 2020

Bérénice Robaglia