Arte e Collezionismo

Il Rapporto di Mercato ArtBasel - Parte 2

È uscito il nostro rapporto annuale preferito sul mercato dell'arte. Scopri i punti salienti di questo rapporto e le nostre opinioni sul Global Art Market 2019 - parte 2.

Rita Hamri

8 min

Art Basel

5- Fiere d'arte

Le fiere d'arte del 21 ° secolo hanno ridefinito il concetto di collezionismo. Destinato come luogo di incontro per rivenditori, collezionisti e intenditori d'arte, questo evento espositivo si è trasformato in un fenomeno internazionale. Le vendite delle Fiere dell'Arte sono state stimate a $ 16,5 miliardi nel 2018. Le fiere d'arte internazionali stanno diventando sempre più popolari e rappresentano un'importante fonte di entrate. Oggi ci sono circa 300 fiere d'arte a livello internazionale, oltre a migliaia di versioni locali e regionali con un'ampia varietà di specializzazioni. Nel 2018, i rivenditori hanno riferito di aver speso circa 4,8 miliardi di dollari per partecipare ed esibire alle fiere. Le fiere d'arte consentono ai rivenditori di ottenere visibilità ed espandere i propri network, ed e per questo che sono viste come una parte cruciale della meccanica del mondo dell'arte. In media, un rivenditore parteciperà a 4 fiere d'arte all'anno, come ad esempio la 1-54 Fiera internazionale d'arte contemporanea africana diretta da Touria El Glaoui o Art Central a Hong Kong. 

6- Vendite online e digitalizzazione del mondo dell'arte

A- Mercato online e social media

Nel 2018, le vendite globali nel mercato dell'arte online hanno raggiunto $ 6 miliardi. I Millennials rimangono il mercato target più importante per l’e-commerce. Il 93% dei collezionisti con un High Net Worth (HNW) della "Amazon Generation" ha riferito di aver acquistato opere d'arte da una piattaforma online. Sulla base del rapporto Art Basel, la maggior parte delle e-commerce vendere pezzi di valore inferiore a $ 5000. Collegando questo al rapporto Hiscox Online trade 2018, è vero che creare fiducia online è un punto critico per le piattaforme online e che solo i nomi affermati riescono a vendere lotti di fascia alta. Ad esempio, le principali case d'aste come Christie’s e Sotheby’s hanno generato il 19% delle loro vendite annuali online, e il 74% di questo valore è stato generato attraverso piattaforme di terze parti. Le aziende di alto livello stanno provando diverse strategie e investendo molto sulla innovazione e la digitalizzazione. Sotheby's ha iniziato provando un “buyer’s premium” dello 0% per le vendite solo online, al fine di acquisire una nuova base di clienti. Poi hanno acquisito Thread genius, una start-up di intelligenza artificiale (AI) che migliora l'esperienza del cliente online. Entrambe queste mosse strategiche hanno avuto molto successo.

I modelli di business di oggi includono l'uso dei social media, uno strumento essenziale che deve essere sfruttato. Instagram non solo aumenta la visibilità degli artisti e le gallerie, ma è anche un canale per realizzare una vendita. Il rapporto online di ArtPrice analizza l’utilizzo dei social media (link qui).

B- La digitalizzazione è sinonimo di democratizzazione

Riteniamo che la proliferazione di piattaforme d'arte online abbia chiaramente aperto il mercato a un nuovo segmento di acquirenti. Secondo Christensen, un'innovazione dirompente è il processo attraverso il quale un settore che era limitato a pochi perché i suoi servizi erano complicati e costosi si trasforma in un servizio molto più semplice, economico e conveniente che può quindi servire a molti. Nel caso di Artworld, questo è esattamente ciò che sta accadendo con una chiara democratizzazione del settore.

C- I dati sono re

La tecnologia e l'informazione apportano trasparenza al mondo dell'arte: prezzi, partner per i collezionisti, transazioni ... Anche se molti penserebbero che ciò avrebbe un impatto negativo sul mercato dell'arte facendo scoppiare la bolla d'oro di un settore opaco, in realtà è stato dimostrato che può creare ancora più valore per l'industria. E per questo che molte case d'asta stanno attualmente sviluppando un team di Business Intelligence al fine di raccogliere, analizzare e tradurre questi dati in approfondimenti reali.

D-Blockchain nel mondo dell'arte

Nel 2018, l'applicazione Blockchain nel mondo dell'Arte ha creato molta trazione e sono stati discussi molti modi per applicarla (ad esempio, potrebbe essere di grande utilità in tutto ciò che riguarda la criptovaluta o potrebbe essere utilizzato per scambiare opere d'arte con il modello di proprietà artistica frazionata).

Sebbene tutti questi argomenti sembrassero molto interessanti al momento ciò che vediamo oggi è che in pratica l'uso di questa tecnologia è estremamente limitato. Ad esempio, la tokenizzazione dell'arte lanciata da Mecenate con i suoi token ART nel 2017 è stata un successo con la vendita di pezzi di Andy Warhol ($ 6,5 milioni per il 49% delle azioni). Tuttavia da allora, vediamo una sorta di ansia da parte degli investitori crypto e del pubblico in generale che ha subito perdite drammatiche. 

7- La Ricchezza Globale e gli Acquirenti d'Arte

A- Investimento alternativo d'arte

Le vendite nel mercato dell'arte sono fortemente correlate al benessere dell'economia mondiale e alla ricchezza. Può essere qualificato come un settore ciclico, il che significa che in tempo di recessione vedrà diminuire le sue entrate. Secondo Art Basel, dagli anni 2000 le vendite d'arte hanno mostrato una correlazione con un high net worth (HNW) di oltre l'80%. Simile al settore finanziario è tutta una questione di comportamento di acquisto/vendita, avversione al rischio e tempistica del mercato. Tuttavia, è importante fare una precisione, l'arte come attività viene percepita come un investimento sicuro e un ottimo modo per diversificare il rischio (investire in un mercato alternativo) quando le azioni sono volatili.

B- Ricchezza globale

Nel 2018, la ricchezza globale è cresciuta del 4,6% per raggiungere $ 317 trilioni (Credit Suisse, 2018). La crescita più forte anno dopo anno è stata negli Stati Uniti, che rappresenta il 31% della ricchezza mondiale. La quota globale di ricchezza in Europa è scesa al 27% della ricchezza mondiale. Per quanto riguarda la regione Asia-Pacifico, che ha visto un modesto aumento della sua crescita anno dopo anno, la sua quota globale di ricchezza è diminuita (ad esempio il Giappone con il più alto calo di ricchezza). La regione asiatica rappresentava il 36% della quota globale di ricchezza - più alta rispetto agli Stati Uniti e all'Europa. L'Asia è il più importante importatore di arte e oggetti d'antiquariato ed è cresciuta rapidamente negli ultimi dieci anni, spinta ad esempio dalle politiche commerciali liberali di Hong Kong che creano un vero centro artistico.

Molti individui classificati come Ultra High Net Worth (UHNWI) sono collezionisti d'arte -nel 2018, il 40% dei primi 200 collezionisti nella lista ARTnews si ritenevano appassionati collezionisti d'arte. Un'altra tendenza importante menzionata nel rapporto Art Basel è che sebbene i millennial stiano diventando sempre più interessati all'arte, ciò non è vero in tutti i segmenti. In effetti, è stato dimostrato che i miliardari delle società più ricche stanno investendo sempre meno nell'arte. Questa tendenza può essere piuttosto sorprendente se si considera l’alto livello di istruzione di questi giovani professionisti.

C- Sondaggio di collezionisti d'arte

Art Economics ha collaborato con UBS per analizzare i modelli di acquisto di questi UHNWI. Ottenere un sondaggio coerente è piuttosto complicato e richiede una accurata selezione dei campioni. Le persone intervistate erano piuttosto internazionali (Regno Unito, Germania, Giappone, Singapore e Hong Kong) e proiettate in base al loro livello di ricchezza / attività nel mercato dell'arte e del collezionismo. Nel complesso i risultati sono i seguenti - alcuni sono generalità, tuttavia vale la pena menzionarli: 

- La dimensione media delle collezioni in tutti i paesi è di circa 43 opere d'arte e il Regno Unito è il paese leader in questa categoria

- Le collezioni aumentano in termini di volume man mano che aumenta la ricchezza

- L'acquisto di opere d'arte nel Regno Unito e in Giappone non si basa principalmente su una strategia di investimento o su criteri finanziari

- Per la maggior parte degli intervistati le motivazioni alla base dell'acquisto di opere d'arte sono state principalmente la considerazione estetica / decorativa seguita dall'espressione della propria personalità

- Nel complesso, i collezionisti tendono a sostenere gli artisti locali più degli artisti stranieri

- Il canale più frequente per acquistare arte e oggetti sono gallerie e rivenditori, seguiti da aste. Tuttavia, le fiere d'arte sono estremamente popolari e di grande importanza nel mercato asiatico

- I Millenial si avvalgono spesso di consulenti o società di consulenza artistica, ma questa frequenza diminuisce con l'aumentare dell'età

- Complessivamente, meno della metà delle collezioni viene acquistata tramite credito o fondi prestati

- ⅔ dei collezionisti intervistati ritiene che il mercato dell'arte sia piuttosto trasparente in termini di condivisione delle informazioni

8- Impatto economico

Si stima che, nel 2018, ci siano 311K aziende attualmente attive nel mercato globale dell'arte e dell'antiquariato. Queste aziende impiegano quasi 3 milioni di persone (questa è una stima e la metodologia di raccolta di questi dati è altamente discutibile dal nostro punto di vista).

L'equilibrio di genere nel mondo dell'Arte è chiaramente squilibrato visto che ci sono prevalentemente dipendenti femmine. In termini di impatto economico ausiliario, la spesa del mercato dell'arte si aggira intorno ai $ 20 miliardi. Riteniamo che questo numero sia altamente discutibile a causa della mancanza di trasparenza riguardo alla metodologia e alla mancanza di fiducia sui dati raccolti.

Conclusione e nostra visione speciale

Sulla base di questo rapporto, possiamo concludere che, sebbene il mercato dell'arte si stia lentamente aprendo a nuovi orizzonti, è ancora un settore d'élite in cui il valore viene generato dal livello di fascia alta. Le gallerie “Blue Chip”, le case d'aste rinomate e gli artisti affermati sono i leader indiscussi del settore.

E da molti anni ormai che il settore dipendeva fortemente da acquirenti ultra ricchi. Tuttavia, l'espansione della classe media, l'ascesa dei musei come i templi del 21 ° secolo e la digitalizzazione del settore (piattaforme online e instagram) sono fattori che hanno aumentato il coinvolgimento con il mercato con effetti positivi sulla maggior parte delle aziende. 

L'aumento della consapevolezza culturale è anche un fattore importante che riteniamo sia stata sottovalutata nel rapporto. I paesi emergenti stanno diventando più sensibili dal punto di vista culturale alla conservazione del patrimonio e all'importanza di sostenere i giovani artisti contemporanei. Come ben sappiamo, l'arte è sempre stata uno strumento per portare cambiamenti positivi e consapevolezza in tutto il mondo.

2 settembre 2019

Rita Hamri