Arte e Collezionismo

L’impatto della Brexit sul mondo dell’arte

Sin dal referendum britannico del 23 giugno 2016 e dal successivo voto per lasciare l'Unione Europea, le istituzioni d'arte e le gallerie in Gran Bretagna e negli Stati membri dell'UE hanno operato in un clima di confusione. Al momento, mesi dopo la prima "data di divorzio" del 29 marzo e mesi prima della nuova data proposta per il 31 ottobre, non vi è ancora alcun accordo di recesso che potrebbe realisticamente dettare il futuro rapporto tra le due parti. Qui a Convelio, stiamo valutando l'impatto della Brexit sul mondo dell'arte e ci prepariamo per ogni evenienza, includendo lo scenario “no deal”, che possa influire sulla logistica.

Ottavia Ampuero Villagran

6 min

L'impatto della Brexit sul mondo dell’arte

Introduzione

Come ben sappiamo, l'arte è un bene mobile, resistente e portatile. La sua natura internazionale dipende dalla facilità di movimento delle persone e dei beni che circolano in questo mercato. Ci sono molti vantaggi da ottenere espandendo il potere culturale, economico e sociale del mondo dell'arte e la Gran Bretagna ha avuto particolare successo nel farlo. L’ultimo rapporto del mercato dell'arte di UBS e ArtBasel afferma che il Regno Unito ha mantenuto la sua posizione come il secondo mercato artistico più grande, ricavando il 21% delle vendite globali in termini di valore. Nonostante le incertezze della Brexit, è ancora un attore importante nel mercato internazionale dell'arte - basta pensare a tutti i musei, gallerie, fiere d'arte, artisti, mostre e case d'aste di fama mondiale che vi si trovano. In relazione all'UE, la Gran Bretagna occupa il 66% della quota del mercato dell'arte. 

Mercato dell'arte -

1- Quadro normativo

Gli esperti affermano che il successo del mercato dell'arte britannico e americano è in parte dovuto al loro modello di bassa regolamentazione, libertà di concorrenza e forti diritti di proprietà privata. Sia i venditori che gli acquirenti tendono a gravitare verso questi mercati chiave, usando l'arbitraggio regolamentare per accedere alle migliori condizioni di vendita nel mercato dell'arte globale. Sebbene le ramificazioni delle future condizioni commerciali tra la Gran Bretagna e l'UE 27 siano ancora sconosciute, la Brexit potrebbe fornire alla Gran Bretagna uno slancio per la revisione normativa che potrebbero spingere ulteriormente il suo vantaggio competitivo.

La Gran Bretagna potrebbe voler usare la sua nuova libertà per modificare elementi del suo quadro legislativo che erano stati precedentemente dettati dall'UE, come la proprietà intellettuale, il diritto d'autore, i regolamenti sulla proprietà culturale, il diritto di rivendita dell'artista o le licenze di importazione. Un esempio di ciò sarebbe il sistema IVA del Regno Unito. Dopo la Brexit, questo sistema non sarà più vincolato dalle direttive UE relative al mercato dell'arte. Sebbene attualmente il Regno Unito abbia un'aliquota dell'imposta sul valore aggiunto (IVA) fissata al 5% - la più bassa consentita dalle norme dell'UE - non si confronta favorevolmente con i suoi concorrenti globali: gli Stati Uniti (0%) e la Cina (3%).

L’idea che la Gran Bretagna possa modificare o eliminare le direttive dell'UE relative al mercato dell'arte ha sedotto molti, tra cui Dirk Boll, presidente di Christie's Europa, Medio Oriente, Russia e India, che ha ribadito che Christie's non intende cambiare le sue operazioni europee: “Pensiamo ancora che Londra sia il miglior mercato per noi", ha detto,"E non avere alcuna tassa di importazione sarebbe di aiuto ".

Questa stessa nozione ha allarmato i commercianti d'arte nel continente; in una lettera aperta scritta da membri della federazione commerciale Conseil National du Marché de l’Art (CNMA), i rappresentanti del mondo dell’arte hanno invitato il governo francese ad attuare cambiamenti che potrebbero aiutare a contrastare la minaccia competitiva che rappresenta un mercato dell'arte britannico deregolamentato. 

Tuttavia, non tutti sono d'accordo sulle opportunità presentate dalla Brexit. Alcuni stanno prendendo in considerazione l'elemento isolazionista della Brexit e stanno scegliendo di aprire gallerie nel continente che manterranno comunque una forte identità europea. Quando David Zwirner, nato in Germania, annunciò l'apertura del suo spazio di Parigi al Financial Times, lo sottolineò fortemente: “La Brexit cambia il gioco. Dopo ottobre, la mia galleria di Londra sarà una galleria britannica, non europea. Sono europeo e vorrei anche una galleria europea ”. Con il tasso di importazione francese fissato al 5,5%, sembra probabile che la Francia diventerà presto il punto di accesso globale al mercato dell'arte europeo, spingendo così altri galleristi e rivenditori a seguire l'esempio di Zwirner.

2- Una questione di logistica

Come possiamo vedere, i membri del mondo dell'arte stanno intraprendendo diverse strategie per far fronte al Brexit. Ma c'è una cosa su cui tutti possono essere d'accordo, ed è la preparazione. È fondamentale che il mondo dell'arte sia preparato per ogni scenario, incluso lo scenario peggiore di una Brexit "no-deal". In termini di logistica d’arte, la preoccupazione principale è ovviamente la perdita dello status commerciale intracomunitario della Gran Bretagna. Dopo la Brexit, la Gran Bretagna non potrà più beneficiare della libera circolazione delle merci (e delle persone) tra gli Stati membri dell'UE, che in precedenza consentiva ai rivenditori di evitare le procedure di sdoganamento nonché i dazi e le tasse all'importazione. 

Le implicazioni per le dogane dipenderanno dai dettagli dell'accordo. In caso di Brexit "no-deal", dove non c'è un accordo, tutte le spedizioni da e verso l'UE richiederanno lo sdoganamento da due autorità diverse. Questi processi burocratici più lunghi porteranno con sé costi più elevati e ritardi.

In termini di esportazioni dal Regno Unito, è probabile che le licenze di esportazioni non saranno influenzate da una Brexit "no-deal". La cosa più probabile è che l'attuale sistema di esportazione di beni culturali a un paese extra-UE verrà semplicemente esteso per includere gli Stati membri dell'UE, e che l'Arts Council England continuerà ad amministrare questo sistema di licenze. Invece, poiché non esistono procedure o accordi di licenza per le importazioni dall'UE nel Regno Unito, i rivenditori dovranno rispettare i regimi di licenza di esportazione dell'UE e dei singoli paesi dell'UE.

L'onere amministrativo di ulteriori controlli alle frontiere e formalità doganali ridurrà l'accesso attraverso gli stretti di Dover e Folkestone per i sei mesi successivi alla scadenza della Brexit. Molti giocatori del mondo dell'arte hanno già iniziato a prevedere ritardi; la commerciante londinese Kate MacGarry ha scelto di importare pezzi che saranno esposti al Frieze London in ottobre con diversi mesi di anticipo. Allo stesso modo, quando la scadenza era prevista per il 29 marzo, Tornabuoni Arte ha chiuso uno dei suoi spettacoli due settimane prima del previsto, al fine di evitare una salatissima bolletta di importazione: le 40 opere in mostra avevano un valore di 70 milioni di euro che, con la aliquota di importazione Italiana fissata al 10%, gli sarebbe costato una bolletta fiscale di 7 milioni di euro!

Esiste anche il problema delle regole di esportazione temporanee. Attualmente si dà il caso che le opere importate temporaneamente per eventi, come le fiere d'arte Frieze o Masterpiece, sono esenti da dazi doganali e IVA. Dato che circolano liberamente all'interno dell'unione doganale, gli espositori europei non devono pagare nulla per portare opere temporaneamente nel Regno Unito - e viceversa per gli espositori britannici. Secondo la Museums Association (MA), quando il Regno Unito siederà al di fuori di questa zona dopo la Brexit, le implicazioni economiche potrebbero scoraggiare alcuni musei a prendere in prestito arte con la stessa frequenza (resta da vedere se l'iniziativa di porto franco recentemente proposta sarà implementato dopo la Brexit). Allo stesso modo, le vendite di articoli relativi a CITES potrebbero diminuire a causa delle complicazioni che ci saranno con il trasporto - non saranno più autorizzati a passare attraverso Dover o l'Eurotunnel, viaggeranno invece con un permesso speciale attraverso porti designati.

Conclusione - Piano di emergenza

Ci stiamo avvicinando alla scadenza del 31 ottobre, ed è per questo che dobbiamo iniziare a sviluppare piani di emergenza e accelerare i preparativi. Questo non dovrebbe essere un problema, poiché è nella natura dell'arte rispondere ai problemi socio-politici del suo tempo. Non sarà neanche un problema per Convelio: con uffici su entrambi i lati della Manica a Londra e Parigi, siamo ben posizionati per aiutare le gallerie che hanno uffici in varie località. Garantiremo che i rivenditori dispongano della documentazione corretta e aggiornata prima dell'esportazione, e saremo anche in grado di migliorare i tempi di trasporto ed evitare il percorso altamente saturo di Dover-Calais grazie alle nostre molteplici opzioni di partenza dall’Europa. Vi assicuriamo che la nostra missione di assistere a rivenditori, artisti, collezionisti, designer e gallerie in tutto il mondo con la nostra soluzione logistica di alta qualità continuerà indipendentemente dall'esito delle negoziazioni Brexit.