Coalizioni e organizzazioni specifiche del mondo dell'arte

Art World Coalition Blog Image
Art World Coalition Blog Image

La Gallery Climate Coalition (GCC) è un'associazione fondata da un gruppo volontario di galleristi e professionisti con sede a Londra che lavorano nel settore delle arti commerciali nel tentativo di sviluppare una risposta significativa e specifica per l'industria alla crescente crisi climatica. Il GCC ha costruito uno strumento di rapporto sul carbonio per le imprese, organizza anche dei sottocomitati su questioni specifiche legate alla sostenibilità per sviluppare risorse e guidare le discussioni.

Julie's Bicycle è una pioniera no-profit che mobilita le arti e la cultura per agire sulla crisi climatica ed ecologica. Combinando competenze culturali e ambientali, Julie's Bicycle si concentra su programmi ad alto impatto e sul cambiamento delle politiche per affrontare di petto la crisi climatica. JB sostiene le arti e la cultura per: diventare net-zero carbon e ripristinare la natura, ispirare l'azione pubblica sul clima e l'ecologia, sostenendo la giustizia e l'equità ambientale.

Art/Switch è stato lanciato come non-profit, nell'autunno del 2019, per introdurre una nuova generazione di pratiche sostenibili nelle arti. Con sede tra Amsterdam e New York, riuniscono una comunità globale di professionisti dei musei, accademici, professionisti dell'arte e artisti con l'obiettivo di collegare le discussioni, promuovendo le conoscenze esistenti e aprire la strada a soluzioni sostenibili nelle arti. Hanno un calendario regolare di eventi come: tavole rotonde e incontri.

Ki Culture è un gruppo di professionisti della cultura che credono nella sostenibilità e vedono nel potenziale della cultura una via per ispirare il resto del mondo a creare un cambiamento significativo. Hanno un programma Ki Futures che offre tutte le risorse, le competenze e i consigli di cui un'organizzazione culturale ha bisogno, per sviluppare un solido approccio di sostenibilità. Con un focus sulla collaborazione Ki Futures mira a connettere istituzioni, professionisti della cultura e specialisti della sostenibilità a livello globale, impegnandosi anche con altre organizzazioni per sviluppare nuovi strumenti e risorse per diffondere pratiche sostenibili nel settore culturale.

Art to Zero sostiene le organizzazioni di arti visive, di tutti i tipi e dimensioni, ad agire sul clima. Si impegnano direttamente a sviluppare e implementare piani d'azione sul clima, fornendo accesso alle risorse e alla scoperta di soluzioni. Costruiscono comunità facilitando la condivisione delle conoscenze e la collaborazione tra diversi settori, mentre promuovono l'educazione e l'innovazione attraverso partnership con i leader del clima e della sostenibilità.

Le Gallerie Commit sono un collettivo di lavoratori impegnati in un futuro consapevole del clima, resiliente ed equo per le gallerie di New York City. Le iniziative in corso includono una lettera di impegno pubblico, un database di azioni per il clima e una partnership collettiva per la conservazione della terra con Art to Acres. Le iniziative passate hanno incluso un sondaggio sulle azioni climatiche delle gallerie e una serie di tavole rotonde comunitarie.

Art to Acres (DBA Art to Acres) è un'iniziativa ambientale e artistica no-profit fondata da un artista con sede in California, negli Stati Uniti, che si concentra sulla conservazione della terra su larga scala per il clima, le popolazioni indigene e il sostegno alla biodiversità. Fondata nel 2017, l'iniziativa ha gestito la conservazione permanente di 22 milioni di acri di foreste tropicali e boreali per conto di artisti, gallerie e istituzioni, in collaborazione con partner, nella creazione di nuovi parchi nazionali, parchi regionali, riserve indigene e una serie di riserve dell'Unione internazionale per la conservazione della natura forma di trust di terra e associazioni civili.

Art + Climate Action è stata fondata nel 2005 ed è una comunità di professionisti dell'arte, che credono profondamente che ciò che gli artisti hanno da dire sul cambiamento climatico può modellare i nostri valori e comportamenti per gli anni a venire. Sostengono gli artisti, facilitano le discussioni e hanno costruito una comunità di persone che lavorano per una visione condivisa. Hanno anche messo insieme una lista di organizzazioni che lavorano nell'industria dell'arte per guidare un cambiamento significativo, che potete trovare sul loro sito.

Museums for Future è un'organizzazione no-profit e indipendente che unisce una comunità globale di professionisti museali e istituzioni culturali. Con l'obiettivo comune di rimanere al di sotto di +1,5°C di riscaldamento globale - come stabilito dall'Accordo sul clima di Parigi - e di stabilire una giustizia climatica globale. Essi immaginano un mondo in cui ogni museo e organizzazione culturale sia neutrale rispetto al clima e sostenitrice della giustizia ecologica e sociale.

We are Museums svolge una campagna per una nuova comprensione dei musei come mentori della società e architetti del cambiamento nel rispetto delle persone e del Pianeta.

Antiques are Green è un movimento iniziato nel settembre 2009, che ha incoraggiato centinaia di negozi di antiquariato e vintage "a promuovere il green nell'antiquariato". L'obiettivo è quello di incoraggiare l'acquisto di antiquariato e vintage come una scelta sostenibile riconosciuta. Hanno anche pubblicato uno studio di riferimento che ha dimostrato che una nuova cassettiera avrà un impatto di carbonio fino a sedici volte superiore a una cassettiera antica. Ora è diventato un luogo comune che le credenziali “green” dell'antiquariato siano citate da presentatori televisivi, giornalisti, commercianti e consumatori, facendo spesso riferimento al concetto di riutilizzo del passato.

April 20, 2022

Imogen Prus