Intervista con Francesca Casiraghi, la co-fondatrice e CEO di London Trade Art

Intervista con Francesca Casiraghi, la co-fondatrice e CEO di London Trade Art, un marketplace d’arte online, che spiega l’importana dell’innovazione nel mondo dell'arte e di riprogettare la propria strategia digitale.

Convelio X London Trade Art

Qual è l'idea alla base di London Trade Art e perché l'hai fondata?

Il concetto alla base di London Trade Art era quello di democratizzare l'investimento nell'arte, per dare a tutti l'opportunità di diventare co-proprietari di opere d'arte di alto valore. Volevamo farlo modernizzando il sistema dell'arte attraverso l'applicazione di tecnologie innovative, che ci avrebbero permesso di espandere il pubblico dell'arte e rendere il mercato dell'arte più trasparente.

L'ho creato dopo un'analisi approfondita del mercato dell'arte e di quello finanziario, confrontando le loro somiglianze e differenze. Il mercato finanziario storicamente si è evoluto in un modo molto simile, con la differenza principale che il mercato dell'arte è stato reticente ad adottare i progressi tecnologici, provocando barriere d'ingresso e inefficienze commerciali che non soddisfano le esigenze di una nuova generazione di collezionisti high tech-friendly

Insieme all'altro co-fondatore, Andrea Seminara, hedge fund manager del nostro partner principale, Redhedge Asset Management LLP, abbiamo unito le nostre competenze e il nostro know-how in entrambi i settori, al fine di riprodurre alcune caratteristiche del sistema di trading finanziario e sostenere la digitalizzazione di un mercato che era rimasto indietro

Come azienda all'avanguardia nella digitalizzazione del mercato dell'arte, quali sono alcuni dei cambiamenti più innovativi che avete visto negli ultimi 5 anni?

Alcuni dei cambiamenti più innovativi che abbiamo osservato sono: Esperienze artistiche online (ad esempio Google Arts and Culture, giochi d'arte online, ecc.); nuove tecnologie, come la VR e l'AI per coinvolgere un nuovo pubblico attraverso strumenti alternativi, l'espansione delle gallerie online, delle fiere, delle aste, delle esperienze museali (questo era per lo più legato a Covid); e il recente uso di NFT e blockchain per rendere gli investimenti in arte più trasparenti e sicuri.

Dove vedete il settore nei prossimi 5 anni?

Crediamo che il processo di digitalizzazione continuerà, ma che non sostituirà mai le esperienze fisiche. Le tecnologie aiuteranno a portare più consapevolezza nell'industria e a rendere l'arte un investimento più ampio, più sicuro e meno opaco. Infine, si spera che presto torneremo a visitare musei e fiere; tuttavia, potremmo passare ad acquistare pezzi d'arte tramite i nostri cellulari e ricevere un NFT assicurato attraverso la tecnologia blockchain

Come stanno cambiando le abitudini dei collezionisti grazie alla tecnologia?

Grazie alla tecnologia, le abitudini dei collezionisti stanno cambiando sia nella loro esperienza che nell'investimento nell'arte: si stanno diffondendo le visite online e i marketplace. Il mondo online non sembra più un filo. Infatti, la quota delle vendite online è passata dal 9% del totale delle vendite nel 2019 al 25% nel 2020. Questo rappresenta un'enorme opportunità. In particolare, Covid-19 ha costretto gli amanti dell'arte a impegnarsi di più con la tecnologia, per sperimentare o investire in arte. Al giorno d'oggi, è una pratica molto comune acquistare opere d'arte online o visitare una mostra virtuale sul sito di una galleria.

L'anno scorso avete dedicato molta energia e investimenti alla vostra strategia online e a un nuovo sito web - quali sono state le vostre motivazioni per farlo?

Come la maggior parte dei professionisti dell'arte durante la pandemia, abbiamo dovuto ripensare la nostra strategia, convertendo alcuni dei nostri eventi fisici in iniziative digitali, per permettere ai nostri clienti e a chiunque altro di godere dei nostri servizi. Come parte della nostra offerta diversificata, abbiamo creato webinar, abbiamo ricostruito il nostro sito web e abbiamo lanciato il nostro primo progetto di co-ownership online per sostenere il nostro obiettivo di rendere l'arte più accessibile.

Ora che il nuovo sito è stato lanciato, quale sarà il vostro nuovo obiettivo per il business?

Il nostro focus per il business continuerà ad essere la nostra galleria online, in parallelo con il nostro nuovo progetto Pooling Investment, che è l'incredibile opera di Lapo Simeoni, intitolata '25.000 euro', ed è acquistabile con gli NFT. Continueremo anche a popolare la nostra rivista online con articoli rilevanti per il settore e a promuovere le nostre prossime iniziative, che includeranno un e-book e un podcast sulla valutazione dell'arte. Il nostro prossimo passo è quello di rilasciare un mercato secondario, dove le azioni di un portafoglio prescelto di opere d'arte saranno scambiabili. Funzionerà in modo simile al mercato azionario, per cui i clienti saranno in grado di comprare e vendere le loro azioni d'arte online.

June 1, 2021

Imogen Prus