Art Basel report 2021 - Parte I

La pandemia COVID-19 ha colpito il mondo, i settori e praticamente tutti noi. In questo articolo, daremo uno sguardo al famoso Art Basel Market report del 2021, tornando indietro al 2020 e riflettendo sull'impatto di questa pandemia sul mercato dell'arte.

Art Basel Report

I- Prospettiva globale

Le vendite globali di arte e antiquariato hanno raggiunto nel 2020 50,1 miliardi di dollari un calo del 22% rispetto al 2019. Come previsto e con la transazione online del mondo dell'arte, le vendite online di arte e antiquariato hanno raggiunto un record di 12,4 miliardi di dollari e rappresentano ¼ del valore del mercato. Gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Cina sono ancora i tre principali centri d'arte del settore, pur sperimentando un calo nella generazione delle vendite. Gli Stati Uniti hanno ancora una quota di mercato del 42% nel 2020 rispetto al 44% del 2019, il Regno Unito rappresenta il 20% e la Cina il 20%.

Un’ importante questione da notare per il mercato dell'arte in Europa nel 2020 è stata l'introduzione di numerosi requisiti e regolamenti nell'ambito della quinta direttiva antiriciclaggio dell'UE e del Regno Unito, le normative britanniche sul riciclaggio di denaro e sugli emendamenti alla finanza terroristica, sono entrate in vigore nel gennaio 2020. Questi quadri normativi implicano che tutti i partecipanti al mercato dell'arte coinvolti in transazioni superiori a 10.000 euro devono effettuare un controllo KYC e due diligence.

A- Gli Stati Uniti

In generale, le vendite nel mercato statunitense sono diminuite del 24% raggiungendo 21,3 miliardi di dollari. Facendo un paragone con l'ultima crisi economica, questo è ancora al di sopra del livello del mercato al 76% (il che significa che è ancora meglio risalendo alla crisi dei subprime). Il mercato statunitense ha mantenuto la sua posizione di leader.

Oltre alle vendite prodotte all’interno dei propri confini, gli Stati Uniti sono sempre stati una piattaforma cruciale per il commercio transfrontaliero. Questo è sempre stato il loro vantaggio competitivo chiave per mantenere la loro posizione di leader nel mercato. Anche se la politica più protezionista dell'amministrazione Trump è stato una delle principali cause di preoccupazione per l'industria (ad esempio le guerre commerciali con la Cina), le preoccupazioni sulle regolamentazioni del commercio sono diminuite nel corso dell'anno. Da notare che l'importazione di pezzi d'arte negli Stati Uniti è stata generalmente costante, tuttavia, nel 2020 è diminuita del 55%. Guardando questi dati, si possono porre due domande per identificare le ragioni di un tale calo: 1) La modifica dell'imposta sulle plusvalenze è stata introdotta nel settore dell'arte per colpire gli attori molto ricchi e di alto livello (ancora da determinare) 2) La volatilità della logistica ha fortemente influenzato il mercato dell'arte in termini di esportazione e importazione (alta volatilità dei prezzi dei carichi, basso traffico aereo ...)

B- Regno Unito

Nel Regno Unito, le vendite sono diminuite del 22% raggiungendo un totale di 9,9 miliardi di dollari nel 2020, il livello più basso dell'ultimo decennio. Tuttavia mantengono ancora il 20% delle vendite globali nonostante una situazione estremamente difficile. Come la Brexit e la pandemia, tutto ciò ha influenzato il calo delle vendite nel Regno Unito. L'accordo finale "Trade & Cooperation agreement" firmato tra il dicembre 2020 e gennaio 2021 ha stabilito che le importazioni nel Regno Unito saranno ora soggette a IVA e ad altri oneri, il che è stato un fattore che ha inibito le relazioni del mercato dell'arte tra Regno Unito e UE (si possono trovare maggiori informazioni sulla Brexit e l'impatto sulla logistica qui). Da notare inoltre, che le relazioni con altri mercati come gli Stati Uniti e la Cina non hanno subito conseguenze.

Secondo il rapporto di Art Basel, Londra manterrà il suo posto come hub globale grazie all'infrastruttura bluechip e ad una regolamentazione che favorisce le vendite di “alto livello”. È probabile però che le vendite di valore inferiore possano spostarsi fuori dal Regno Unito (forse in Francia). Per quanto riguarda lo spostamento del top-tier, è ancora una domanda senza risposta (anche se i membri del French Art Trade sperano di guadagnare da questo slancio).

C- Cina

Le vendite in Cina sono diminuite del 12% nel 2020 raggiungendo un valore totale di 21,1 miliardi di dollari. Questo è il terzo anno consecutivo che il mercato sperimenta un calo, tuttavia è importante notare che questa decrescita è minore rispetto ad altri mercati.

Il mercato dell'arte cinese è stato il primo a sperimentare il blocco, tuttavia nella seconda metà del 2020 è riuscito a beneficiare di un forte rilancio. La Cina ha registrato numerose vendite tramite aste che l'hanno aiutata a passare in prima posizione nel mercato mondiale delle aste.

Secondo alcuni esperti citati nello studio, la ripresa del mercato cinese nel suo complesso può essere in parte attribuita alla risoluzione dei problemi dell'IVA che erano emersi nel 2018 e nel 2019. Per spiegare molto brevemente, alla fine del 2018, le case d'asta potevano emettere solo fatture formali con IVA per il prezzo di vendita che ricevevano dagli acquirenti (prezzo di vendita + commissione). Tuttavia, la maggior parte dei venditori (persone che vendono alle aste) erano persone private, il che rendeva l'intero processo difficile riguardo l’emissione delle tasse e dei documenti per i venditori, molte volte andava contro la legislazione vigente nella Cina continentale. A partire da maggio 2020, molti cambiamenti nei regolamenti hanno permesso alle case d'asta di emettere fatture complete che hanno reso l'intero processo più facile e quindi hanno accelerato le vendite nella seconda metà dell'anno. Questo dimostra quanto sia importante il quadro fiscale e legale nella compravendita dell'arte e nella creazione di infrastrutture che permettono la crescita del settore dell'arte.

D- Resto del mondo

Nel complesso nell'UE (escluso il Regno Unito) la quota di mercato è rimasta stabile (12% del mercato a/a). La Francia stava vivendo una crescita costante nel 2019 (vedi Art Basel report 2020), tuttavia nel 2020 le vendite sono scese di nuovo al 6%. La Germania e la Svizzera rappresentavano rispettivamente il 2%.

II- I commercianti

In generale e come si è visto in altri settori, la crisi causata dal COVID-19 ha avuto un effetto negativo sulle vendite dei commercianti. Infatti, rispetto al 2019, le vendite dei commercianti sono diminuite del 20% raggiungendo 29,3 miliardi di dollari (rispetto all'aumento positivo del 2% nel 2019 e nel 2018). Considerando il nuovo panorama economico, le priorità dei commercianti si sono focalizzate maggiormente sui clienti esistenti piuttosto che sui nuovi clienti, inoltre si sono focalizzati sulle vendite online (piuttosto che sull'esplorazione di nuovi modi per tagliare i costi). Guardando al 2021, la maggior parte dei commercianti intervistati ha classificato i seguenti punti in termini di priorità: 1) relazioni con i clienti 2) vendite online 3) fiere.

Il consenso generale sulle prospettive del mercato rimane positivo. Il 58% degli intervistati si aspetta un miglioramento delle vendite. Costruire forti relazioni con i clienti sarà la chiave nel 2021, dato che la dimensione della base di clienti del rivenditore durante questo periodo senza precedenti si è ridotta (da 64 clienti in media a 55 clienti per galleria).

Da notare che solo l'1% dei galleristi intervistati ha chiuso definitivamente a causa di motivi finanziari legati alla cancellazione delle fiere d'arte (rendendo impossibile per loro sostenere la loro attività in termini di costi/benefici).

Guardando la distribuzione tra i segmenti, i mercanti di fascia bassa, con un fatturato inferiore a $250k, hanno avuto la performance peggiore. Se incrociamo questo rapporto con questo articolo sul mercato dei commercianti durante la pandemia di COVID-19, possiamo supporre che la reputazione del marchio gioca un ruolo importante (soprattutto quando si implementa la strategia online per mitigare il rischio). Tuttavia, questo può essere messo in discussione. Le gallerie di piccole e medie dimensioni che operavano con una struttura efficiente sono riuscite ad aumentare la loro flessibilità e i loro pezzi di valore inferiore sono stati venduti con maggiore facilità grazie ad una maggiore accessibilità. I grandi operatori hanno subito un colpo maggiore in termini di costi operativi.

Da notare, in termini di performance dei galleristi, che ci sono state importanti differenze tra le regioni: Stati Uniti (11%), Africa (18%) o Asia con un calo disparato nei primi 6 mesi rispetto alla seconda metà dell'anno. Nel complesso, alcuni dei cali più forti sono stati registrati dai commercianti in Europa (in media il 28%): Regno Unito (24%), Francia (32%).

Guardando ai sub-segmenti, i commercianti del mercato dell'arte contemporanea sono riusciti a "sovraperformare" le altre categorie.

Sulla base dei risultati del sondaggio vediamo che il numero medio di opere vendute nel 2020 è stato di 34, rispetto alle 55 del 2019.

Negli anni precedenti, le indagini hanno costantemente mostrato che il mercato soffriva dell'assenza di credito e non erano in grado di accedere a prestiti commerciali. Tuttavia, in molti mercati, i prestiti governativi sono stati resi disponibili durante il 2020, consentendo ad alcune imprese di sopravvivere. Degli intervistati, il 68% ha detto di avere accesso a prestiti governativi, il 18% da banche o istituzioni private e il 10% da prestiti da fonti personali/private.

III- Aste

Le vendite durante le aste pubbliche d’arte di oggetti da collezione hanno raggiunto nel 2020 17,6 miliardi di dollari, un forte calo del 30% rispetto al 2019 (escluse le vendite private). In base alle stime, le vendite private hanno raggiunto 3,2 miliardi di dollari nel 2020, in aumento del 36% rispetto al 2019. Questo dimostra che la trazione è ancora forte ed è estremamente positiva per il mondo delle aste. Gli hub d'aste più grandi rimangono gli stessi, Stati Uniti, Regno Unito e Cina che rappresentano l'81% delle quote di mercato delle aste pubbliche. Da notare che la Cina ha superato gli Stati Uniti diventando il più grande hub con il 36% della quota di mercato. Il dopoguerra e l'arte contemporanea rimangono il settore più presente nel settore delle aste pubbliche d’arte, seguiti molto da vicino dall'arte moderna (il totale di entrambe rappresenta l'81%). Molte case d'asta hanno dovuto sospendere le aste dal vivo per passare a un formato esclusivamente online. In breve, il declino delle aste può essere spiegato da tre fattori principali: 1) Riduzione del volume 2) Riduzione del valore 3) Riduzione delle offerte (con pochi acquirenti che si contendono i lotti).

IV- Le fiere d'arte

Su 365 fiere d'arte globali previste per il 2020, il 61% è stato cancellato e il 37% ha tenuto eventi fisici dal vivo, mentre il restante 2% delle fiere ha deciso di fare un evento ibrido. Da un sondaggio condotto da Art economics, il 62% delle fiere d'arte ha proposto una versione online viewing room (OVR) della propria fiera nel 2020 (es. Frieze, 1-54...).

Per quanto riguarda gli eventi dal vivo, la quota di vendite delle fiere d'arte dal vivo è diminuita drasticamente, rappresentando solo il 13% delle vendite totali dei galleristi contro il 45% dell'anno scorso, da notare che il 9% è stato realizzato attraverso gli OVR.

Il 41% dei collezionisti High Net Worth (HNW) intervistati in questo studio ha acquistato il loro pezzo attraverso una fiera d'arte e il 45% attraverso un OVR.

La metà dei collezionisti HNW intervistati sono desiderosi di assistere a fiere d'arte durante i primi 6 mesi del 2021 e il 64% sarebbe disposto a partecipare ad eventi locali. Più del 68% è estremamente interessato a partecipare a qualsiasi fiera nel Q3 e l'80% nel Q4.

V- Online

Come previsto, le vendite online hanno raggiunto un record nel 2020 arrivando a quota 12,4 miliardi di dollari (raddoppiando in valore). Allo stesso modo nel settore delle aste di belle arti, il 22% dei lotti venduti erano in vendite online (raddoppiando il totale rispetto al 2019), è interessante notare che le opere oltre 1 milione hanno rappresentato il 6% delle aste online.La transizione del mercato dell'arte verso l'online è stata fondamentale per sostenere il sistema durante la pandemia. È la prima volta che le vendite dell'e-commerce hanno superato il retail generico. In tutto il mercato, i commercianti, le case d'asta e le fiere d'arte hanno investito nella loro esposizione online per garantire la continuità del business e una visibilità costante. Da notare che gli attori bluechip hanno avuto il maggiore incremento grazie al loro branding e alla loro reputazione (maggiori informazioni sul riconoscimento delle blue chip in questo articolo di esplorazione). Il 90% dei collezionisti HNW ha visitato siti web online, OVR o aste online e ha ritenuto che la trasparenza dei prezzi fosse fondamentale durante la visione delle varie opere d'arte online.

April 12, 2021

Rita Hamri